HomeCommunication & Tecnologies

SolarStratos, l’aereo solare stratosferico che sfiderà i limiti

SolarStratos, l’aereo solare stratosferico che sfiderà i limiti

Memristore: la memoria del futuro
Il cyberspazio come bene comune. Una riflessione sulla Internet governance
Facebook nel mirino dell’Antitrust

L’avventuriero svizzero Rhaël Domjan ha svelato il progetto del primo aereo solare che volerà a 25.000 metri d’altezza

L’ambizione del volo fotovoltaico ha messo radici in Svizzera. Dopo che i piloti (e cofondatori del progetto) Bertrand Piccard e André Borschberg hanno compiuto il giro del mondo a bordo del loro Solar Impulse 2, un altro avventuriero svizzero si è fatto avanti deciso ad affrontare il cielo con la sola energia solare. Il 44enne Raphael Domjan. già famoso per la sua impresa con l’imbarcazione PlanetSolar, raccoglie l’eredità di Solar Impulse e rilancia: realizzerà il primo aereo solare stratosferico, ovvero in grado di volare in quella regione dell’atmosfera compresa tra i 15 e i 60 km dal suolo.

Il velivolo, nella sua forma prototipale, esiste già: si chiama SolarStratos ed è un elegante due posti con lunghe ali coperte di 22 metri quadrati di celle fotovoltaiche.

“Il nostro obiettivo è quello di dimostrare che la tecnologia attuale ci offre la possibilità di arrivare al di là di ciò che i combustibili fossili offrono”, ha commentato in occasione dell’inaugurazione stampa dell’aereo solare stratosferico, presso la base aerea di Payerne, nella Svizzera occidentale.

Il programma è di iniziare con dei voli di prova il prossimo febbraio, per passare a quelli di media quota durante la prossima estate. Se tutto dovesse andare secondo i piani, nel 2018 SolarStratos sarebbe pronto per i primi viaggi a 25mila metri d’altezza.

Il progetto finora è costato 5 milioni di franchi e presenta ancora più di una sfida. Batterie, motori, celle solari e il pilota stesso devono essere sottoposti a rigorosi test. Per mantener basso il peso (solo 450 chili in tutto), l’aereo non sarà pressurizzato, e Domjan dovrà indossare una tuta spaziale, alimentata anch’essa a energia solare. Senza contare quanto sarà impegnativo il viaggio verso la stratosfera: due ore e mezza per raggiungere lo spazio, 15 minuti per ammirare sole e stelle e tre ore per ritornare sulla Terra. E nessun margine di errore concesso.

rinnovabili.it

Commenti